Padiglione Città di Bologna

Shangai

Ai partecipanti al Concorso per il Padiglione della Città di Bologna al Expo di Shangai veniva richiesto di ipotizzare uno spazio rappresentativo delle eccellenze e peculiarità della città felsinea. Il progetto proposto punta a mettere in scena non tanto una rappresentazione della città  ma la città stessa, attraverso gli strumenti della augmented reality. Il proposito è infatti quello di comunicare non solo le singole eccellenze ma il senso profondo di una qualità cittadina diffusa.

L’allestimento disegna uno spazio percorribile inclusivo e coinvolgente che risponde ai comportamenti ed alle azioni del visitatore in una relazione interattiva con i contenuti del padiglione. Si vuole  creare un ponte spazio – temporale in grado di proiettare il visitatore, attraverso un suo avatar, nella realtà bolognese e di farlo dialogare ed interagire anche emozionalmente con essa.  La dimensione digestiva dello spazio proposto, fatto di alte quinte sinuose,  la sua immagine di luogo da percorrere dall’interno, ha una forte analogia con la dimensione urbana di Bologna e con l’esperienza percettiva di chi la visita camminando sotto i suoi portici. Sui fondali curvilinei scorre senza soluzione di continuità la vita della città stessa, con cui interagire attraverso interfacce intuitive che permettono un rapido incontro di intelligenze.

Anno: 2009
Collaboratori: Alessia Curella